segreti vino colore rosso

Scopri i segreti di ogni colore di vino rosso

Il colore e l’opacità di un vino ti danno molti suggerimenti sullo stile del vino che stai per gustare. La maggior parte dei luoghi in cui di solito beviamo il vino sono troppo bui per osservare un vino, come un ristorante poco illuminato o, nel mio caso, una stanza dell’ufficio illuminata da uno schermo di computer alle 2 del mattino!

Tuttavia, se guardi il colore del vino in un ambiente più scientifico con un’illuminazione pulita (e uno sfondo bianco) vedrai come i colori dei vini rossi sono sostanzialmente diversi l’uno dall’altro. Imparare a identificare i colori nel vino rosso ti aiuterà a diventare un maestro del gusto alla cieca.

I diversi colori del vino rosso

Il colore del vino indica l’età, il vitigno, la densità di sapore, l’acidità e altro. Confrontando i diversi colori che si trovano nei vari vini rossi puoi imparare a identificare un vino semplicemente guardandolo.

Intensità del colore

Quanto è intenso il colore del vino? È pallido con pochissimo pigmento o macchia i lati del vetro? Questo puntatore ti dirà se il vino è più leggero/più denso nello stile. I vini con colori più intensi tendono ad essere più audaci e hanno tannini più alti. Più a lungo un vinificatore mantiene le bucce dell’uva a contatto con il mosto durante la vinificazione, più scuro e intenso diventa il colore del vino. Tuttavia, insieme alle bucce (che aggiungono colore intenso), ci sono anche vinaccioli (vinaccioli) e raspi che aggiungeranno quantità crescenti di tannino a un vino. Troppo tannino può rendere un vino amaro e eccessivamente secco. Sentori di blu sul bordo del bicchiere tendono a indicare un pH più alto.

Opacità

Quanto è opaco il vino? Riesci a leggere il testo attraverso il vino o è così scuro che riesci a malapena a vedere la luce attraverso di esso. L’opacità di un vino può dirti che tipo di uva è stata usata per fare il vino e può anche dirti l’età di un vino. Un vino opaco può anche essere non filtrato e apparirà sfocato (cioè più opaco). Questo tipo di stile è comune nei vini italiani in cui l’enologo non filtra intenzionalmente il vino per mantenere trame ricche e sapore più dinamico nel vino.

Colore

Il colore principale del vino è verso il centro. Ancora una volta, il valore del colore può dirti quanti anni ha il vino. I vini commerciali e orientati al valore tendono a perdere la pigmentazione del colore molto più rapidamente (2-4 anni), mentre un vino progettato per invecchiare impiega 10-14 anni per iniziare a cambiare colore. I vini che impiegano molto tempo per cambiare colore impiegano anche molto tempo per svilupparsi e avere un sapore migliore dopo anni di conservazione in cantina.

Colori secondari

Questi sono gli altri sentori e sfumature di colore in un bicchiere. Nei vini bianchi si notano sentori di verde o paglierino. Nei vini rossi ci possono essere sentori di arancio, bruno, magenta o mattone. I colori secondari si trovano tipicamente nel bordo del vino mentre si avvicina al bordo del bicchiere.

Variante del cerchio

Una variazione del bordo ampio in un vino può indicare un vino più vecchio, mentre una variazione del bordo molto stretto può mostrarti un vino molto giovane.

Tabella dei colori del vino rosso

Colore del Cabernet Sauvignon

Il Cabernet Sauvignon è opaco ma non opaco come il syrah. In giovane età i colori sono rubino scuro al centro a un bordo sfumato magenta. Il Cabernet non si colora di arancione in giovane età e impiega molto tempo per sviluppare l’aspetto di un vino più vecchio (cioè colore chiaro, sfumature marroni/arancioni e una variazione del bordo ampio).

Il Cabernet varia nell’intensità del colore a seconda della vinificazione e del clima. In un clima più fresco come lo stato di Washington o il Bordeaux in Francia, il cabernet sauvignon è più chiaro e contiene meno pigmenti. Ancora una volta, un enologo può manipolare questi risultati lasciando che le bucce dell’uva si impregnino più a lungo nel vino per produrre un colore più ricco e profondo.

Nella mia esperienza, i vini cabernet sauvignon di colore più chiaro e meno densi tendono ad avere una maggiore acidità. Un cabernet sauvignon più opaco indicherà generalmente una regione di coltivazione più calda come la California o l’Italia.

Colore del Vecchio Cabernet Sauvignon

Tabella dei colori del vino rosso, punto 2 Man mano che i vini invecchiano, la densità del colore diminuisce e la variazione del bordo diventa maggiore mostrando più colori arancioni (a volte marroni). La velocità con cui un vino cambia aspetto dipende dalla varietà del vino, dal produttore e dalla regione.

In genere, i vini pregiati impiegano più tempo (al massimo 10-12 anni) per iniziare ad assumere le caratteristiche del vino vecchio come mostrato. Tuttavia, varietà sensibili come merlot, zinfandel e pinot nero possono cambiare più velocemente.

Dopo quattro anni in bottiglia ho osservato uno zinfandel biologico dell’Arizona che era bordato di arancione e sembrava un vino vecchio. I vini impiegano anche più tempo per invecchiare in bottiglie più grandi a causa del rapporto tra vino e aria nella bottiglia.

Colore del Merlot

Tabella dei colori del vino rosso, voce 3 Il Merlot tende ad essere leggermente più chiaro rispetto al cabernet sauvignon, ma ha anche un indicatore speciale che puoi quasi sempre distinguere su un vino più giovane. Ha toni leggermente arancioni sul bordo.

Nelle mie più difficili degustazioni alla cieca di pregiati merlot, dove la densità del vino è quella di un pregiato cabernet sauvignon, l’indizio fortunato è sempre stato identificare il bordo rosso mattone. Questo colore del vino sembra anche molto simile al tempranillo (come nella Rioja), al sangiovese (come nel Chianti o Brunello di Montalcino) e al Montepulciano (come nel Montepulciano d’Abruzzo).

Colore di Syrah o Shiraz

Syrah o Shiraz è molto opaco come petite syrah, mourvedre (aka monastrell in Spagna) e malbec. Questi vini hanno pochissime variazioni di bordo e in giovane età passano da un centro viola-nero opaco al magenta proprio sul bordo del vino.

Colore del Pinot Nero Giovane o Borgogna

Cartella Colori Vino Rosso, Articolo 5 Il Pinot Nero è uno dei vini rossi più pallidi dove lo si vede subito. Ha colori rosso chiaro a bacca (mirtillo rosso, lampone) anche se alcuni pregiati produttori di pinot nero (principalmente in Borgogna) sono in grado di estrarre più colore dal vino. Il Pinot nero è uno dei vini più identificabili per il suo colore traslucido chiaro. Un nebbiolo delle Langhe in Italia può anche essere pallido come questo, così come alcuni vini a base di grenache dal clima più fresco.

Colore del Vecchio Pinot Nero o Borgogna

Tabella dei colori del vino rosso, punto 6 Con l’invecchiamento, il pinot nero assume un colore più simile al mattone e un pinot molto invecchiato assumerà sfumature arancioni e marroni. La variazione del bordo su un vino vecchio è ampia e il colore tende ad essere più debole e più pallido.

1 commento su “Scopri i segreti di ogni colore di vino rosso”

  1. Pingback: Guida ai vini di Montepulciano - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *