Vini Bianchi Rioja

Vini Bianchi Rioja

Dei Vini Bianchi Rioja fanno parte il Rioja bianco, o meglio Rioja Blanco, è uno stile di vino della regione spagnola della Rioja, prodotto interamente con uve bianche, la più importante delle quali è Viura. Questo vino bianco varia dal leggero al corposo ed è apprezzato per la sua capacità di invecchiare per 10 o più anni. I vini del Rioja Blanco sono eccezionalmente rari e rappresentano solo il 10% circa della produzione della regione. Quindi, se sei interessato a sapere che cos’è un vino bianco serio, non cercare oltre, questo è il tuo gioiello.

Note di degustazione

Troverai 2 stili principali di vini bianchi della Rioja basati su una differenza di invecchiamento. La maggior parte dei vini bianchi della Rioja vengono rilasciati un anno dopo la vendemmia in uno stile “fresco”, lasciando solo alcuni progettati per invecchiare almeno 7-15 anni dove sviluppano sapori di nocciola e ossidativi. Puoi provare a mettere in cantina un Rioja Blanco “fresco” per vedere come cambiano dopo 4-6 anni.

Rioja Blanco invecchiato

Gli aromi sono audaci e inebrianti con note di ananas tostato, miele caramellato, lime conservato, dragoncello candito, nocciola, whisky e caramelle di marrubio. Al palato, i vini sono asciutti e rivelano sottilmente strati di cagliata di limone, pinoli mantecati, pralina, dragoncello e limonata con un lungo finale di minerali oleosi, salinità e acidità golosa.

Fresco Rioja Blanco

Gli aromi sono magri e agrumati con note di scorza di lime, verbana al limone, melone melata, dragoncello fresco, maggiorana e una nota minerale gessosa. Al palato, i vini sono asciutti e esplodono con ampia acidità e sapori di frutta più dolci di melone melata, cagliata di limone e nido d’ape con un lungo finale di minerali, salinità e acidità pungente.

Requisiti di invecchiamento del Rioja bianco

  • Young/Joven: I vini hanno meno di 15 mesi senza requisiti di rovere
  • Allevamento: 12 mesi di invecchiamento con 6 mesi in botte (le botti sono tipicamente botti di rovere francese da 225 litri)
  • Riserva: 24 mesi di invecchiamento di cui 6 mesi in botte
  • Gran Reserva: 48 mesi di invecchiamento di cui 6 mesi in botte

Ci sono 6 uve da vino autoctone e altre 3 uve da vino consentite in Rioja Blanco. Le uve autoctone includono Viura (un minimo del 51% del blend), Malvasía de Rioja, Garnacha Blanca, Tempranillo Blanco, Maturana Blanca e Turruntés de Rioja. Le altre uve ammesse sono Chardonnay, Sauvignon Blanc e Verdejo e possono essere aggiunte fino al 49% del blend.

Nonostante la modifica della legge nel 2007 per includere varietà non autoctone, molte delle classiche miscele bianche della Rioja includono una predominanza di Viura e Malvasia. Ecco alcuni esempi del mondo reale:

  • Bodegas Conde Valdemar Finca Alto Cantabria 2014: 100% Viura
  • Bodegas Taron Blanco: 100% Viura
  • Viña Tondonia Blanco Reserva 2003: 90% Viura, 10% Malvasia
  • Bodegas de la Marquesa Valserrano Blanco Gran Reserva 2009: Viura e Malvasia

Storia Rioja bianco

La regione della Rioja è stata una regione vinicola per migliaia di anni, ma lo stile moderno che oggi conosciamo come Rioja è nato con l’influenza francese e forse direttamente da Bordeaux.

La regione della Rioja si trova lungo il Camino de Santiago, un antico percorso religioso che conduce a Santiago de Compostela in Galizia. I primi pellegrinaggi risalgono ai secoli IX e X e le vie si snodano dalla Francia al nord della Spagna. Uno di questi percorsi parte direttamente da Bordeaux. È stato teorizzato che la tradizione dell’invecchiamento del vino in botti di rovere sia stata portata avanti dal collegamento tra la città di Haro nella Rioja e Bordeaux in Francia (e forse le foreste di querce francesi nel Limosino). Ci sono, infatti, alcune prove di ciò. Già nel 1780, un enologo della Rioja, di nome Manuel Quintano, invecchiava il suo vino in rovere francese. Tuttavia, la quercia francese era costosa e intorno alla metà del 1800 gli spagnoli iniziarono a importare ingegnosamente quercia americana e bottaio le botti stesse.

A metà del 1800, il vino della Rioja era in piena espansione. Con le malattie della vite dell’odio e della fillossera che devastavano i vigneti della Francia, i mercanti francesi si recarono nella regione per trovare un’alternativa. Molti di questi esportatori rimasero nella Rioja e avviarono le proprie bodegas (cantine) fino al 1901, quando la fillossera arrivò finalmente nella regione e distrusse il 70% della superficie vitata.

La perdita dei vigneti a causa della fillossera, poi la prima guerra mondiale e poi la guerra civile spagnola misero la Spagna e la Rioja nella miseria. I vigneti sono stati strappati e sostituiti con grano per combattere la fame. Lentamente i restanti produttori fermi (tra cui Marques de Murrieta, R. López de Heredia e Marques de Riscal) hanno continuato a produrre vini invecchiati eccezionali e, negli anni ’80, gli investitori hanno iniziato a rinvigorire la regione.

Oggi, l’importanza dell’invecchiamento del vino è presente in tutta la regione della Rioja. Le bodegas sono costruite in modo pragmatico e mantengono enormi aree di stoccaggio sotterranee profonde piene di milioni di bottiglie e migliaia di botti di vino invecchiato. E mentre molti produttori di vino si lamentano che il sistema di classificazione della Rioja è restrittivo e sempre più costoso da realizzare, è al centro dello stile dei più grandi vini della regione.

1 commento su “Vini Bianchi Rioja”

  1. Pingback: Vino Verdejo - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *