Syrah francese

Regione vinicola del Rodano settentrionale: la terra del Syrah francese

Questo è un articolo avanzato che discute la sfumatura dei vini Syrah francesi del Rodano settentrionale.

Il nord del Rodano potrebbe non essere l’esatto epicentro di dove è apparso il primo vitigno Syrah (che presumibilmente si trova a circa 35 miglia a sud-est di questa regione), tuttavia è il punto di riferimento con cui vengono misurati tutti gli altri vini Syrah.

Che il Syrah francese sia o meno “il migliore” dipende interamente da te, ma una cosa è certa: il nord del Rodano produce Syrah molto diverso da altre regioni in termini di stile.

È una regione affascinante da cercare di capire. Oltre ai soli rossi, altre 3 uve sono un grosso problema qui: Viognier, Marsanne e Roussanne.

Esploriamo la regione del Rodano settentrionale da cima a fondo e ti diamo abbastanza munizioni per trovare grandi vini del Rodano da solo.

Vini del Rodano settentrionale

Costa Rossa

Côte Rôtie o “pendio arrosto” è una delle più importanti denominazioni francesi del Syrah (insieme a Hermitage e Cornas). I migliori vini offrono sapori di lampone nero, ribes nero, viola e cioccolato insieme a saporiti sentori di oliva, grasso di pancetta, pepe bianco e potente fumo di carbone. Sono audaci ma precisi con tannini a grana fine.

Ciò che definisce i più grandi vini della Côte Rôtie è la posizione del vigneto su ripidi pendii esposti a sud che proteggono dai venti del nord. I terreni che producono i vini più audaci sono a base argillosa con scisti e mica in decomposizione, principalmente al centro ea nord della denominazione. Al centro e al sud, troverai terreni più sabbiosi e granitici che producono più aromi floreali. Ci sono 73 vigneti registrati “Crus” quindi se trovi un vino etichettato con un cru, guarda dove si trova quel sito all’interno della Côte Rôtie

  • 100% Syrah rosso con fino al 20% di Viognier miscelato (anche se la maggior parte non supera il 5%)
  • Aspettati di spendere: 60– 400 euro
  • Superficie vitata: 276 ha
  • Fondata: 18 ottobre 1940

Condrieu

La più grande denominazione di vino bianco del Rodano settentrionale produce vini ricchi e opulenti realizzati con il 100% di Viognier. I vini di Condrieu sono piuttosto difficili da reperire.

Tuttavia, quando ne trovi uno (principalmente da Guigal, il più grande negoziato), puoi aspettarti ricchi sapori oleosi di mandarino, papaia, scorza di lime e mandorla verde con ricche note di quercia tostata di pan di zenzero, noce di macadamia e pimento.

A causa dei terreni prevalentemente argillosi e granitici, i vini Condrieu sono spesso carnosi con un’acidità inferiore e quindi si gustano al meglio entro 2-4 anni dal rilascio. I vigneti stessi sono su terrazze strette e ripide con i primi villaggi ad essere inclusi nella denominazione (Condrieu, Vérin e Saint Michel) nella parte più settentrionale della regione.

  • 100% Viognier Bianco
  • Aspettati di spendere: 50– 150 euro
  • Superficie vitata: 110 ha
  • Fondata: 27 aprile 1940

Chateau Grillet

La minuscola denominazione di un unico produttore di Chateau Grillet è composta da un solo produttore, Neyret-Gachet, che rilascia 10.000 bottiglie ogni anno. Questo vino è prodotto parzialmente con l’invecchiamento in rovere, che aggiunge ricchezza simile a uno Chardonnay corposo.

I vini di Chateau Grillet esprimono un frutto un po’ meno maturo di Condrieu con note di carambola e pesca bianca insieme a un accenno affumicato di polvere da sparo e caramello al burro. I vini hanno un’acidità inferiore, come il Condrieu, quindi di solito è meglio berli entro pochi anni dal rilascio.

  • 100% Viognier Bianco
  • Aspettati di spendere: $ 100+
  • Superficie vitata: 3,8 ha
  • Fondata: 1936

San Giuseppe

Alcuni dei migliori valori del Rodano settentrionale esistono lungo questo tratto di 30 miglia che è Saint-Joseph. Ovviamente, a causa delle grandi dimensioni della regione, vorrai essere esigente. I vini di St.-Joseph variano nel gusto da sapori speziati di oliva nera e pepe nero a vini più ricchi e complessi simili a quelli trovati in Côte Rôtie (vedi descrizione della degustazione sopra!).

Le differenze tra i vini della regione dipendono sicuramente dalla qualità del produttore. C’è anche un lento cambiamento dei suoli dalla parte più settentrionale della denominazione a sud. Nel nord, ci sono molti degli stessi terreni argillosi-granitologici, come quelli di Condrieu o Chateau Grillet.

A seconda della posizione del vigneto (su un pendio o in una valle affluente del fiume Rodano), qui si possono trovare dei valori formidabili. Come si suol dire, “A Syrah piace la vista”, quindi se ti capita di vedere il vino proveniente da un vigneto in pendenza, sarà una scommessa abbastanza sicura.

Nel frattempo, nella parte meridionale di Saint-Joseph, a sud di Sarras, ci sono terreni più sottili di marne (argilla + calce) e graniti acidi. Questi vini tendono a diventare un po’ più speziati e freschi oltre che più floreali (in questo caso come il pepe nero in grani); a causa della spezia, è divertente cercare qualcosa di un po’ più vecchio da provare.

Anche i vini bianchi della regione meritano di essere provati con i sapori di medio corpo di limone, pera, mela cotogna, favo e scorza d’arancia e un finale lungo e sottile a base di erbe. Spesso hanno un aroma piuttosto ricco e audace che è semplicemente divertente da annusare.

  • 91% Rosso / 9% Bianco Miscela Syrah e Marsanne/Roussanne
  • Aspettati di spendere: 28– 90 euro
  • Superficie vitata: 1211 ha
  • Fondata: 15 giugno 1956

Crozes-Hermitage

La più grande denominazione del Rodano settentrionale e anche facilmente confusa con l’Hermitage (la microregione del buon vino), i vini Crozes-Hermitage variano in qualità dai semplici vini da cibo ai fantastici Syrah. La principale differenza che vedrai qui è nell’acidità dovuta alla posizione di Crozes-Hermi sulla riva orientale del fiume. Sebbene ciò non influisca affatto sui vigneti inclinati esposti a est ea sud della regione (che sono noti per i vini eccezionali), l’esposizione a ovest tende a fornire più note di erbe secche e tabacco (e meno frutta) nel Syrah.

Tuttavia, i vini qui sono piuttosto profumati con note soavi di viola e frutti di bosco freschi insieme a acidità e tannino acuto. Molti vigneti della regione si trovano su terrazze ricoperte di ciottoli con terreni argillosi-granitologici con una miscela di sabbia (la sabbia di solito aumenta gli aromi floreali e sembra anche schiarire il colore).

  • 92% Rosso / 8% Bianco Miscela Syrah e Marsanne/Roussanne
  • Aspettati di spendere: 20– 60 euro
  • Superficie vitata: 1514 ha
  • Fondata: 3 marzo 1937

Hermitage

La collina dell’Hermitage è famosa per i suoi vini Syrah incoraggiati che di solito hanno bisogno di circa 5-10 anni prima di essere aperti. Quando lo fai, sarai accolto con aromi inebrianti e sapori a strati mora, ribes nero, liquirizia, caffè, ciliegia candita e fumo.

Oltre al Syrah, la collina produce anche alcuni eccezionali vini bianchi degni di invecchiamento che sono una miscela di Marsanne e Roussanne.

I vini di L’Ermitage non sono economici per due motivi: uno, i vini sono costantemente classificati come i migliori del Rodano settentrionale, e due, l’Hermitage ha una storia leggendaria, che può rendere la degustazione di questi vini un po’ mistica.

I vigneti sulla collina dell’Ermitage, che sono più simili a un insieme di 3 colline adiacenti esposte a sud, sono stati piantati fin dai tempi dell’antica Grecia nel 500 a.C.

La storia popolare di Hermitage, tuttavia, è di un crociato del XIII secolo (1200) che fu ferito e cercò rifugio sulla collina. Ha costruito una cappella e ha vissuto la sua vita in completa solitudine. Così la collina fu chiamata “collina dell’eremita” o Ermitage.

Oggi c’è una piccola cappella ricostruita sull’Ermitage chiamata Saint-Christopher che si trova da sola verso la cresta della collina e si affaccia sul villaggio sottostante.

I suoli delle 3 colline cambiano da terreni più argillosi granitici e alcuni loess (microterreni giallo-grigi portati dal vento) ad argillosi più sabbiosi con depositi glaciali (es. piccoli sassi).

Quindi ci si può aspettare che i vini dei terreni più sabbiosi/glaciali abbiano un po’ meno tannino fuori dal cancello e probabilmente siano più rigogliosi e bevibili all’inizio, mentre le sezioni argillose granitiche e argillose/calcaree dovrebbero produrre vini con più tannino e corpo.

Tutto dipenderà dal produttore (e da cosa fa in cantina) e dalla viticoltura in vigna.

  • 76% Rosso / 24% Bianco Miscela Syrah e Marsanne/Roussanne
  • Aspettati di spendere: 60– 350 euro
  • Superficie vitata: 136 ha
  • Fondata: 4 marzo 1937

Cornas

Tipicamente il più audace e tannico di tutti i vini Syrah del Rodano settentrionale, Cornas offre sapori di confettura di more, pepe nero, viola, carbone di legna, polvere di gesso e fumo seguiti da tannini intensi e avvincenti.

La maggior parte consiglierà di aspettare circa un decennio affinché i tannini si ammorbidiscano e i vini rivelino più sapori di kirsch e liquirizia. Tuttavia, alcuni produttori hanno iniziato a praticare tecniche più moderne per fornire un vino più morbido e levigato subito dopo il rilascio. Puoi aspettarti che questi vini abbiano ricevuto una nuova quercia.

I vigneti più votati si trovano sulla collina dietro la città di Cornas, dove i terreni prevalentemente argillosi granitici sostengono ripidi terrazzamenti. Man mano che ti sposti a sud della città verso Saint-Peray, le colline diventano più basse e i terreni contengono molta più sabbia. Come probabilmente puoi già immaginare, i terreni sabbiosi sono in grado di fornire il Cornas Syrah più precocemente accessibile.

  • 100% Syrah Rosso
  • Aspettati di spendere: $ 30– $ 200
  • Superficie vitata: 131 ha
  • Fondata: 5 agosto 1938

Saint-Péray

I vini bianchi del Rodano prodotti con Marsanne e Roussanne variano nel gusto da note agrumate magre di limone, olio di lino, pera e finocchio a sapori più ricchi dalla fermentazione in botti di rovere che possono fornire mela cotogna al forno, limone Meyer, cera d’api e caramello al burro.

Questi vini sono da medio a corposi e, a seconda dell’acidità, possono sviluppare sapori di mandorla e nocciola più nocciolati già dopo pochi anni di invecchiamento.

Saint-Peray è la denominazione più meridionale del Rodano settentrionale ed è una piccola valle situata al di là di una collina boscosa di fronte al fiume Rodano. Gli spumanti costituiscono circa un terzo della produzione, realizzati principalmente con Marsanne. Se parli con i produttori del Rodano, scoprirai che tendono a preferire Marsanne a Roussanne per i suoi sapori agrumati, floreali e di cera d’api con un’acidità equilibrata.

La maggior parte dei vini conterrà quasi tutto il Marsanne e un tocco di Roussanne può aggiungere un delizioso sapore di buccia d’arancia alla miscela. I migliori vigneti sono su un affioramento calcareo, che aumenta la longevità di questi vini a causa della maggiore acidità.

  • 100% Bianco Marsanne e Roussanne
  • Aspettati di spendere: $ 18– $ 50
  • Superficie vitata: 75 ha
  • Fondata: 8 dicembre 1936

Considerazioni finali sul Rodano settentrionale e sul Syrah francese

Se tutto va bene, ora hai stuzzicato il tuo appetito con i vini del Rodano settentrionale e forse hai qualche idea su da dove cominciare. Come raccomandazione, un ottimo modo economico per degustare questi vini potrebbe essere quello di esaminare i vini regionali declassificati etichettati come Collines Rhodaniennes. Spesso, i vini etichettati come Syrah di Collines Rhodaniennes sono una miscela di diverse denominazioni del Rodano settentrionale, che ti daranno una piccola anticipazione di cosa aspettarti.

Una cosa da tenere a mente durante la ricerca di questi vini è quanto il Syrah francese sia influenzato dalla variazione dell’annata. Mentre i produttori costosi produrranno grandi vini anno dopo anno, i vini di valore sono dove vuoi cercare grandi annate.

Buone annate per rossi di valore

  • Fantastico: 2010, 2009, 2003
  • Buono: 2011, 2013
  • Evitare: 2014

3 commenti su “Regione vinicola del Rodano settentrionale: la terra del Syrah francese”

  1. Pingback: Scopri i segreti di ogni colore di vino rosso - Online-wine.it

  2. Pingback: Guida all'abbinamento vino e bistecca - Online-wine.it

  3. Pingback: Rhône GSM Blend - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *