Metodi di allevamento della vite

Metodi di allevamento della vite

Se hai mai guidato attraverso un paesaggio coperto di vigneti, probabilmente avrai notato che non tutti i vigneti hanno lo stesso aspetto. Questo perché non tutte le viti sono coltivate allo stesso modo, dato che ogni sistema di allevamento offre vantaggi diversi.

Esaminiamo le basi e discutiamo di diversi sistemi di allevamento della vite comuni che probabilmente vedrai nel tuo prossimo viaggio attraverso il paese del vino.

Potatura a sperone vs potatura a canna

La potatura della canna (Guyot) è comunemente usata nelle regioni di crescita del clima più fresco, tra cui Borgogna, Sonoma e Oregon. Limitando la crescita lignificata della vite (la parte marrone dura) al solo tronco, la vite è meno vulnerabile al gelo e meglio protetta rispetto alle viti potate a sperone. La potatura della canna richiede una grande abilità per fare bene perché richiede di tagliare manualmente quasi tutta la crescita precedente della vite e selezionare correttamente una singola canna (o due) che sarà responsabile della produzione della prossima stagione.

La potatura del canneto è stata adottata da molte delle zone vitivinicole più prestigiose del mondo.

La potatura a cordone speronato (Cordon) è comune nelle regioni a clima più caldo, tra cui California, Washington e Spagna. Esistono molti stili diversi di metodi di allevamento a cordone speronato utilizzati per tutto, dall’uva da tavola (alta produzione) al vino pregiato (bassa produzione). Gli speroni (il tronco di una canna che contiene 1-3 gemme) sono generalmente più facili da potare e alcuni sistemi di allevamento, come il metodo a calice, sono ideali per le aree soggette a siccità.

La potatura a sperone è un metodo di allevamento più tradizionale che è noto per produrre eccezionali vini da vecchi vitigni.

Cosa osservare nei diversi metodi di allevamento

Tutte le regioni vinicole consolidate tendono ad adottare un metodo di allevamento specifico basato sulle idiosincrasie del loro clima e terroir. Quindi, mentre alcuni esperti potrebbero dire che il metodo di allevamento Guyot è migliore del metodo pergola, dipende molto dal vitigno e dalla regione. Ecco alcune cose interessanti da osservare la prossima volta che vedrai un vigneto:

  • Viti alte: i tronchi alti delle viti sollevano l’uva più in alto dal suolo per aumentare il flusso d’aria e aumentare l’esposizione al sole, il che riduce la probabilità di infezioni fungine. Questo metodo di allenamento è più comune nei climi più freddi con elevata umidità.
  • Viti basse: I tronchi di vite corti riducono l’esposizione della vite al sole e una moderata variazione di temperatura. Questo è più comune nelle regioni di coltivazione più calde.
  • Viti ampiamente distanziati: nelle regioni molto secche, la distanza tra le viti aumenta la loro capacità di accedere ai nutrienti dal terreno. Nelle zone umide o irrigate, aumenta anche la produzione della vite (che riduce contemporaneamente la qualità).
  • Viti ravvicinate: le viti ravvicinate sono un modo per limitare il vigore di ogni vite, limitando la produzione e migliorando la qualità.

 

1 commento su “Metodi di allevamento della vite”

  1. Pingback: Cabernet Sauvignon - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.