Lista vini Piemontesi

Lista vini Piemontesi

Uno dei modi migliori per esplorare il Piemonte è attraverso i suoi vini.

Bevi la tua strada attraverso la regione e scoprirai una vasta gamma di stili: dai vini rossi audaci e degni di invecchiamento del Nebbiolo ai vini bianchi delicati, dolci e frizzanti del Moscato d’Asti. Se non lo sapevi già, il Piemonte è una delle regioni vinicole più acclamate d’Italia.

Delle 20 principali regioni vinicole italiane, il Piemonte è al 6° posto per volume di produzione più alto.

È noto per l’alta qualità e produce più vini designati DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita – la migliore classificazione vinicola italiana) rispetto a qualsiasi altra regione.

In Piemonte ci sono un totale di 59 regioni (tra cui Barolo, Gabiano, Barbera d’Asti, ecc.) e il nome della regione è elencato in modo prominente sulle etichette dei vini piemontesi (spesso indicato accanto alla varietà).

Mentre i nomi regionali sono numerosi e complessi, sono solo una dozzina i vitigni che mettono in risalto i vini più importanti della zona. Conoscere queste uve (e i loro vini) è un ottimo modo per conoscere lo stile culinario piemontese e scoprirai che i vini si abbinano perfettamente alle ricette rustiche e carnose della regione.

Vini Rossi del Piemonte

Di seguito, vedrai note dettagliate sulle principali varietà e sui corrispondenti vini regionali. I vini sono organizzati per distribuzione regionale, con le varietà più coltivate elencate per prime.

Barbera

La Barbera è la varietà più coltivata in Piemonte ed è quella che spesso troverete a bere tra i locali. I grandi vini di Barbera offrono aromi di frutta rossa e nera (in particolare lamponi, mirtilli rossi e more), insieme a caffè espresso, fumo e anice fresco, supportati da tannini vellutati e un finale speziato.

I vini sono spesso invecchiati per offrire sapori di frutta più ricchi e opulenti, ma la maggior parte dei Barbera di tutti i giorni sono di medio corpo con un tocco di terroir speziato e terroso. Nonostante la prevalenza di quest’uva nella regione, la Barbera vola continuamente sotto i radar e solitamente offre un buon valore economico. Ecco le regioni specializzate in Barbera:

  • Barbera d’Asti DOCG (90% min)
  • Barbera d’Asti Sottozona “Nizza” DOCG (90% min)
  • Barbera del Monferrato Superiore DOCG
  • Barbera del Monferrato DOC
  • Barbera d’Alba DOC
  • Gabiano DOC (90–95%)
  • Rubino di Cantavenna DOC (75-90%)
  • Colli Tortonesi Barbera DOC (85% min.)
  • Piemonte Barbera DOC (85% min.)

Dolcetto

Amato per la sua minore acidità e i sapori morbidi e fruttati di prugne, more e lamponi. Il vino Dolcetto ha spesso aromi floreali di viola e pepe nero che sono in contrasto con la consistenza del tannino (che può sembrare simile al cioccolato). Eccezionali produttori si trovano sia nelle zone DOCG che DOC (soprattutto Alba) e a causa della minore acidità, la maggior parte consiglia di bere il vino entro 5 anni dalla commercializzazione.

  • Dolcetto di Ovada Superiore DOCG / Ovada DOCG (100%)
  • Dolcetto di Diano d’Alba DOCG (100%)
  • Dogliani DOCG (100%)
  • Dolcetto d’Alba DOC (100%)
  • Dolcetto d’Asti DOC (100%)
  • Dolcetto d’Acqui DOC (100%)
  • Dolcetto di Ovada DOC (100%)
  • Langhe Dolcetto DOC (85% min.)
  • Colli Tortonesi Dolcetto DOC (85% min.)
  • Piemonte Dolcetto DOC (85% min.)

Nebbiolo

Il vitigno rosso più esaltato del Piemonte è il Nebbiolo. Questo vino colpisce per l’esperienza perché il suo colore delicato, pallido, rosso mattone e gli aromi floreali di ciliegia e rosa sono completamente contrastati da tannini un po’ aggressivi e gommosi (in particolare nei vini da Barolo). A causa della sua struttura, scoprirai che i vini Nebbiolo sono i preferiti dai collezionisti di vino che saranno felici di mettere da parte i vini per aprirli decenni dopo per rivelare un vino deliziosamente morbido e delicato. Anche se il Nebbiolo ha una reputazione per i tannini e l’invecchiamento a lungo termine, molte delle sottoregioni (Langhe, Alba, ecc.) producono stili più morbidi con un peso simile al Pinot Nero a grappolo intero.

  • Barbaresco DOCG (100%)
  • Barolo DOCG (100%)
  • Ghemme DOCG (85% min.)
  • Gattinara DOCG (90% min.)
  • Roero DOCG (95% min.)
  • Nebbiolo d’Alba (100%)
  • Langhe Nebbiolo DOC (85% min.)
  • Albugnano DOC (85% min.)
  • Terre Alfieri DOC (85% min.)
  • Boca DOC (70-90%)
  • Bramaterra (50–80%)
  • Carema (85% min.)
  • Lessona DOC (85% min.)
  • Nebbiolo Valli Ossolane (85% min.)
  • Sizzano DOC (50-70%)
  • Fara DOC (50-70%)
  • Colline Novaresi (50% min.)
  • Piemonte Nebbiolo DOC (85% min.)

Brachetto

Uno dei vini rossi piemontesi più deliziosamente fruttati e dolci offre aromi di purea di fragole, salsa di ciliegie, cioccolato al latte e scorza d’arancia candita. Al palato, i vini sono succosi e spesso realizzati in uno stile cremoso e frizzante per accentuare la dolcezza del vino. Questo è uno dei pochi rossi che si abbina perfettamente al cioccolato (soprattutto mousse al cioccolato o il Bônet alla Piemontese regionale).

  • Brachetto d’Acqui DOCG
  • Piemonte Brachetto DOC

Freisa

Questo è uno dei vini rossi piemontesi più polarizzanti; Alcuni lo amano, alcuni lo odiano. I vini hanno un colore intenso e sono spesso prodotti in uno stile frizzante leggermente frizzante. I profumi sono leggermente fruttati, con aspri frutti rossi di bosco e poi profondamente erbacei con note di salvia, oliva verde, terra, catrame e mandorla verde amara.

Al palato, il vino ha un’acidità vivace e un amaro astringente con tannini gessosi e aderenti (quelli che fanno aderire l’interno della bocca ai denti). Diversi produttori lasceranno effettivamente un tocco di zucchero residuo nel vino per completare la sua astringenza, che può sembrare un amaro leggero.

I vini come Freisa che hanno livelli eccezionalmente alti di antiossidanti sono noti per essere anche un po’ amari, quindi tutto sommato, Freisa è un piacere raro.

  • Freisa di Chieri DOC (90%)
  • Langhe Freisa DOC (85% min)
  • Freisa d’Asti DOC
  • Colli Tortonesi Freisa DOC
  • Piemonte Freisa DOC

Grignolino

Il Grignolino è generalmente di corpo leggero, con note di fragola e ciliegia e un finale di mandorla amara, che a volte può essere più simile al rabarbaro nel carattere. Questo è un classico vino da tavola piemontese che chiede i salumi o forse un piatto dei famosi tajarin gialli all’uovo della regione. Mentre il Grignolino del nord Italia è particolarmente terroso, puoi effettivamente trovare alcuni produttori che lo producono in California in uno stile più morbido e profumato con un po’ meno amaro.

  • Grignolino d’Asti DOC
  • Grignolino del Monferrato Casalese DOC (90% min.)
  • Piemonte Grignolino DOC (85% min.)

Malvasia

Diverse intriganti varianti rosse della Malvasia crescono in Piemonte e producono vini che sono tipicamente realizzati in uno stile asciutto o dolce, con sfumature rosso rubino luminose e traslucide. I vini hanno aromi di elevata intensità (soprattutto se prodotti con l’uva locale Malvasia di Casorzo) di rosa, lampone e uva fresca. A causa delle bucce spesse delle uve, i vini hanno un tannino evidente che aiuta a bilanciare la dolcezza.

  • Malvasia di Casorzo d’Asti DOC (90% Malvasia di Casorzo)
  • Malvasia di Castelnuovo Don Bosco DOC (85% min. Malvasia di Schierano e/o Malvasia Nera Lunga)

Vini Bianchi del Piemonte

Il Piemonte produce anche alcuni vini bianchi eccezionali.

Moscato Bianco

Noto anche come Moscato Bianco à Petit Grains
La profumatissima varietà Moscato Bianco offre dolci note di melone, uva fresca, pera matura e mandarino, tutte avvolte da aromi floreali di dafne invernali. Il Moscato può essere prodotto in una vasta gamma di stili (tutti con diversi gradi di dolcezza): da un delicato frizzante, al cremoso spumante Asti Spumante, a un vino fermo di uva passita chiamato Passito. I vini Moscato sono spesso serviti e venduti in porzioni leggerissime (bottiglie da 375 ml e 500 ml) per accentuare l’importanza dei loro aromi.

  • Asti DOCG (100%)
  • Loazzolo DOC (100%)
  • Strevi DOC (100% passito)
  • Colli Tortonesi Moscato DOC
  • Piemonte Moscato DOC

Cortese

Un bianco secco elegante con una finitura croccante e caratteristicamente lunga e gessosa che incornicia i sapori di limone, mela, melone e paglia. La regione più famosa di questo vitigno è il Gavi, anche se nel vasto Piemonte DOC si possono trovare molti impianti che offrono un valore eccezionale. Tieni gli occhi aperti per i vini Cortese della California per il confronto (anche abbastanza delizioso).

  • Gavi DOCG (100%)
  • Cortese dell’Alto Monferrato DOC (85%)
  • Colli Tortonesi Cortese DOC
  • Piemonte Cortese DOC

Chardonnay

Stranamente, in Piemonte si possono trovare un gran numero di vitigni di Chardonnay. I produttori spesso prendono l’uva molto sul serio e producono stili di vino in rovere con il Piemonte DOC, etichettato semplicemente come Chardonnay. I vini offrono note di mela matura e ananas spesso con un sottile e croccante amaro sul finale, che è avvolto da noce moscata e note di crosta di torta.

Se sei un fan dello Chardonnay, è affascinante assaporare come il terroir dell’Italia settentrionale influisce su questa uva. Oltre ai vini fermi, si possono trovare anche gli spumanti realizzati con il Metodo Tradizionale (stile Champagne) anche dell’Alta Langa, che permette di assemblare Pinot Nero e Chardonnay.

  • Alta Langa D.O.C.G. (Spumanti Pinot Nero e Chardonnay)
  • Valli Ossolane DOC (60% min. Chardonnay)
  • Piemonte Chardonnay DOC

Arneis

Un delizioso bianco piemontese con sapori armoniosi e succosi di pesca, mela e limone che sfociano in un finale speziato, lungo e saporito. Alcuni vini di annate o siti più freschi offrono note di pompelmo e un finale magro ed erbaceo, mentre quelli di annate e siti più caldi danno note succose di pesca e frutto della passione.

I migliori vini dell’Arneis sono costantemente prodotti nel Roero DOCG e nelle circostanti Langhe DOC. Questo vino è ancora un grande valore, proveniente da alcune delle regioni vinicole più acclamate del Piemonte.

  • Roero Arneis DOCG (95% min.)
  • Langhe Arneis DOC (85% min)
  • Terre Alfieri DOC (minimo 85%)

Erbaluce

Un bianco alpino tonificante che offre sapori magri di limone, note verdi di uva spina e spezie pepate con una sottile nota di mandorla amara. Le migliori regioni per l’Erbaluce sono nelle parti settentrionali del Piemonte, che conducono ai piedi delle Alpi, dove l’Erbaluce di Caluso DOCG produce una versione spumante e uno stile dolce passito che richiede circa 5 anni per fare e 50 anni per invecchiare .

  • Erbaluce di Caluso/Caluso DOCG (100%)
  • Colline Novaresi DOC (100%)
  • Canavese DOC (100%)
  • Coste della Sesia DOC (100%)

Alcuni vini più intriganti e rari

Se ritieni di esserci già stato e di averlo fatto con i vini sopra menzionati (comprese tutte le loro sottoregioni), ecco alcuni altri vini che sicuramente ti delizieranno:

  • Chiaretto è un altro nome per il rosato ed è prodotto in numerose regioni vinicole italiane dove è più comunemente una miscela delle varie uve rosse. Un ottimo modo per bere il rosé piemontese è stappare una bottiglia in una giornata calda.
  • Il Ruché è un vitigno rosso aromatico molto particolare, autoctono del Piemonte, che si trova sotto il Ruché di Castagnole Monferrato DOCG. I vini hanno note speziate di pepe, menta e cannella, bilanciate da aromi floreali di rosa e iris. In Native Wine Grapes of Italy, Ian d’Agata consiglia di provare i vini sia dei siti di Scurzolengo, più chiari e floreali, sia di Castagnole Monferrato.
  • Timorasso è stato rianimato da solo da Walter Massa nella regione dei Colli Tortonesi, che è fuori dai sentieri battuti. Questo vino bianco è spesso paragonato a un Riesling tedesco secco e, di conseguenza, è diventato la delizia segreta dei fanatici dell’acido (il tipo di vino).
  • La Croatina (Bonarda) è un vino rosso con potenziale di grandezza. Ha alti livelli di antociani, tannini e acidità, che gli conferiscono la stoffa di un vino degno di invecchiamento. I vini di Cisterna d’Asti, Collina Torinese, Colli Tortonesi e Coste della Sesia sono spesso etichettati come “Bonarda” e forniscono frutta a bacca rossa e tannino simile al tè nero, che a volte è bilanciato con un tocco di zucchero residuo.

1 commento su “Lista vini Piemontesi”

  1. Pingback: Guida ai vini del Piemonte - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *