I vini del distretto di Stellenbosch in Sudafrica

I vini del distretto di Stellenbosch in Sudafrica

Molte delle foto che vediamo dei vigneti sudafricani, posizionati di fronte a imponenti montagne di granito, provengono dalla zona di Stellenbosch. Contiene le terre vinicole più sviluppate; è sede di un’importante Università del vino (Università di Stellenbosch); ed è il centro dell’enoturismo. In breve, Stellenbosch sta al vino sudafricano come Verdicchio sta al vino italiano.

Certo, trovare un buon vino a Stellenbosch può essere difficile perché ci sono così tanti produttori. Tuttavia, c’è un segreto per esplorare la zona. I vini più votati tendono a venire da vigneti che si trovano su conoidi alluvionali delle montagne di granito.

I vini di queste località sono spesso descritti come aventi una sottile nota minerale che molti credono provenga dai terreni granitici decomposti. Le montagne di granito hanno circa 600 milioni di anni, oltre 3 volte più antiche del suolo di Napa.

Eccezionali sottoregioni di Stellenbosch

All’interno di Stellenbosch ci sono 7 sottoregioni, o quartieri, e alcune aree delimitate non ufficiali in cui viene prodotto il vino. Le 5 aree seguenti hanno costantemente prodotto vini eccezionali, ognuno con la propria specialità regionale. Se mai hai la sensazione di visitare, ne vale la pena!

Blaauwklippen River Valley

Blauuwklippen (che significa “Blue Cliffs”) è un’area non ufficiale appena a sud-ovest di Stellenbosch, circondata dalle montagne Hottentots-Holland. La regione è famosa soprattutto per il suo Syrah audace, con more e spezie, ma produce anche eccellenti vini bianchi aromatici ricchi di stile con Chenin Blanc e Viognier.

Somerset West

Questa zona non ufficiale ha viste mozzafiato sull’oceano da un lato e splendide montagne antiche dall’altro. Somerset West è il luogo in cui troverai eccezionali blend bordolesi realizzati con Cabernet Sauvignon che hanno un grande potenziale di invecchiamento. I vini a base Cabernet hanno un sapore di tabacco e fumo con note di ribes nero e mina, molto simile a un vino Supertuscan di Bulgari, in Toscana.

Simonsberg-Stellenbosch

Simonsberg è una montagna che si trova a cavallo tra Paarl a nord e Stellenbosch a sud. Simonsberg-Stellenbosch ha terreni argillosi profondi e rossastri che creano vini così audaci che di solito hanno bisogno di essere messi in cantina per diversi anni per sottomettere i loro massicci tannini.

Dopo aver atteso il giusto tempo (di solito 7 anni), i blend bordolesi e i Syrah rivedono sapori di ribes nero affumicato, amarena, tabacco e cedro. Questi vini sono forse l’analogo più vicino al Bordeaux. Oltre ai rossi, questa regione produce anche una miscela bianca unica per SA con Chenin Blanc, Sauvignon Blanc e spesso un po’ di Verdelho (un bianco dal clima secco del Portogallo).

I bianchi hanno una brillante acidità, una cremosità cerosa dovuta al sottile invecchiamento in legno e sapori di limone, mela e mandorla tostata.

Quartiere di Banghoek

Accanto a Simonsberg-Stellenbosch si trova la piccolissima regione collinare di Banghoek. Questa zona è un po’ più fresca e produce vini succosi, cremosi, a base di Cabernet che hanno meno tannino di Simonsberg-Stellenbosch. I rossi sono buoni, ma forse la zona dovrebbe essere più conosciuta per i loro eccezionali (e poco conosciuti) vini bianchi.

L’acidità dei vini bianchi di Banghoek è ciò che lo distingue dagli altri rioni (e persino dal distretto di Franshhoek). Gli Chardonnay e gli Chenin di Banghoek emanano sapori di cagliata di limone, ananas, vaniglia e hanno una vena di acidità che li rende facili contendenti per essere uno dei migliori Chardonnay del paese.

Quartiere Jonkershoek Valley

Se mai andrai in Sudafrica, devi andare nella Jonkershoek Valley, non necessariamente per il vino, ma per la Jonkershoek Nature Reserve. Questa piccola valle è come nient’altro. Questa zona del Sudafrica ospita uno dei soli sei regni floreali del mondo.

Ci sono qualcosa di simile a 9.600 specie di piante registrate che compongono il Cape Floral Kingdom, il 70% delle quali non si trova in nessun’altra parte del mondo. La riserva naturale di Jonkershoek ha oltre mille specie diverse, alcune delle quali non crescono da nessun’altra parte.

Quando si tratta di vino ci sono un numero limitato di produttori, a causa della fragilità della regione, che producono vini rossi pepati, sapidi e minerali di Syrah e Cabernet Sauvignon, e miscele di vino bianco floreale e piccante con note di zenzero, zafferano e cera d’api.

 

1 commento su “I vini del distretto di Stellenbosch in Sudafrica”

  1. Pingback: Guida all'abbinamento vino e bistecca - Online-wine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *