Guida ai vini brasiliani

Guida ai vini brasiliani

Ogni intenditore di vino desidera vivere esperienze uniche. Per chi spera di trovare le etichette che oggi stupiscono il mondo, i vini brasiliani sono la scommessa più grande. Bottiglie che trasmettono la leggerezza, la freschezza e lo spirito energico che contraddistinguono il Brasile, ma con una qualità che è stata testata dalla critica e nei concorsi internazionali.

Questo atteggiamento ottimista e gioioso è esemplificato in particolare dai vini spumanti, un prodotto in cui il Paese eccelle da oltre un secolo. I vini rossi brasiliani si distinguono come un’isola di grazia e moderazione alcolica in un mare di robusti vini sudamericani. Questa identità è un’eredità degli immigrati europei che hanno portato la viticoltura in Brasile e hanno stabilito la regione meridionale del Paese come punto di riferimento per la coltivazione dell’uva.

I brasiliani, invece, stanno diffondendo la cultura del vino in tutto il Paese, offrendo opportunità a tutti i consumatori e suscitando un interesse globale.

Lasciatevi sorprendere: Il vino brasiliano

Clima, suolo, topografia, tecnica e pluralità storica conferiscono al vino, come alla gente del posto, una varietà di accenti. Tutte le regioni vinicole del Paese hanno una caratteristica comune: la qualità. Iniziando dal sud, ogni appassionato di vino sarà introdotto al vino brasiliano: Il Rio Grande do Sul, lo stato più meridionale del Brasile, confina con l’Argentina e l’Uruguay e produce il 90% del vino del Paese. I vini brasiliani si distinguono per gli eleganti aromi fruttati e la moderata gradazione alcolica, che si ritrova non solo nei rossi ma anche nei premiati spumanti.

Uno degli elementi che hanno portato allo sviluppo della prima Indicazione Geografica del Paese nel 2002 è stata l’eccezionale qualità del Merlot nel Paese, in particolare nella Serra Gaúcha. Quest’uva è l’unica utilizzata nelle varietà rosse ammesse a livello regionale, per cui i vini prodotti nella Denominazione di Origine (DO) Vale dos Vinhedos sono in gran parte basati su di essa. Nel caso delle miscele, rappresenta almeno il 60% di ogni bottiglia. I Merlot brasiliani sono piacevoli, autentici e sorprendenti, e appartengono alla cantina di qualsiasi appassionato di vino, principiante o esperto.

Lo spumante è diventato una parte importante dell’identità enologica brasiliana e viene ora prodotto in una gamma di stili diversi in tutto il Paese, da nord a sud. La regione di Serra Gaúcha, dove un immigrato italiano in quella che oggi è la città di Garibaldi creò il primo spumante all’inizio del 1800, è stata un banco di prova per questo fascino nazionale.

Le cantine che fondono tecniche convenzionali con tecnologie all’avanguardia producono spumanti secchi e semisecchi. La combinazione di diversi periodi di maturazione delle uve, di varietà di uve utilizzate, di stili di vinificazione (bianco, rosato e persino rosso) e di diversità geografica fa sì che il Brasile possa offrire diversi profili di prodotto in questo segmento, che attualmente è il consumo in più rapida crescita al mondo. Il profilo gustativo vivace e delizioso dei moscati brasiliani risplende in questo caso. Pinot nero, Chardonnay e Riesling italiano sono attualmente le uve più diffuse nei vini spumanti del Paese, formando di fatto un insieme esclusivamente brasiliano. Nonostante i benefici della combinazione dei primi due siano ben noti grazie alla storia francese, l’aggiunta del Riesling italiano (noto anche come Welschriesling) aggiunge le proprie caratteristiche e aumenta l’acidità e la freschezza del vino brasiliano.

Regioni vinicole del Brasile

La viticoltura in Brasile è concentrata principalmente in sei regioni. Ognuna di esse ha sviluppato il proprio stile, concentrandosi sui vini più popolari e investendo al contempo in nuove colture, tecniche e prodotti.

Serra Gaúcha

Chiunque voglia saperne di più sul vino brasiliano dovrebbe iniziare da qui. È il luogo di nascita della maggior parte dei vigneti tradizionali e il fulcro dell’enoturismo del Paese, con l’80% della produzione. Grazie al suolo basaltico e alla topografia montuosa, sinonimo di mineralità e ottimo drenaggio, gli spumanti di questa regione hanno raggiunto un alto livello di eccellenza. Con un’altezza media di 600 metri, offre un’eccezionale adattabilità alla raccolta precoce di uve come lo Chardonnay e il Pinot Nero.

  • Rosso: Merlot, Pinot Nero, Tannat, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon
  • Bianco: Chardonnay. Riesling italiano, Moscato, Glera

Campos de Cima da Serra

Il potenziale frutticolo della regione è noto da tempo, essendo un importante produttore di pesche e mele. La coltivazione della vite è iniziata poco più di dieci anni fa, ma ha rapidamente guadagnato popolarità grazie agli investimenti aziendali in vigneti e cantine. Qui prosperano il Sauvignon Blanc e il Pinot Nero, ma i notevoli risultati ottenuti con il Viognier e il Merlot dimostrano che l’impegno delle imprese locali sta dando i suoi frutti.

  • Bianco: Sauvignon Blanc, Chardonnay, Viognier, Gewürztraminer
  • Rosso: Pinot Nero, Merlot, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot

Serra do Sudeste

Negli anni ’80, quando le aziende vinicole della Serra Gaúcha si resero conto che i loro vigneti erano troppo piccoli per le promesse del vino brasiliano, cercarono le aree della Serra do Sudeste per crescere. La ricerca portò alla scoperta di quella che oggi è riconosciuta come una delle regioni vinicole più promettenti del Paese. Tenendo presente che la Serra Gaúcha lavora ancora la maggior parte della produzione, questo non indebolisce le caratteristiche della regione, che includono aromi fini e chiari nei vini bianchi e vini rossi strutturati. La salute generale delle uve è favorita dal terreno granitico a bassa fertilità e dai pendii bassi che permettono al vento di soffiare liberamente.

  • Vini bianchi: Chardonnay, Moscato, Gewürztraminer, Malvasia de Cândia
  • Vini rossi: Cabernet Franc, Merlot, Cabernet Sauvignon, Pinot Noir

Campanha

La posizione di Campanha è paragonabile a quella di altre note località di produzione in Cile, Argentina, Sudafrica e Australia. Questo terroir è stato identificato negli anni ’70, quando le aziende multinazionali del settore hanno iniziato a cercare e a migrare in Brasile per far crescere il loro mercato. Alcuni di questi vigneti sono ancora in funzione oggi, il che pone la regione di Campanha in una posizione insolita: è la patria di uve storiche e allo stesso tempo il punto focale dei moderni investimenti vinicoli brasiliani.

Il terreno sabbioso con un buon drenaggio ma una bassa fertilità, il contrasto tra estati calde e inverni freddi e le scarse precipitazioni durante il periodo della vendemmia stimolano l’interesse delle multinazionali. I dolci pendii consentono la meccanizzazione e un buon adattamento al terroir delle varietà internazionali.

  • Bianco: Sauvignon Blanc, Chardonnay, Viognier, Gewürztraminer
  • Rosso: Pinot Nero, Merlot, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot

Planalto Catarinense

I vini provenienti da vigneti situati nei climi più rigidi e alle altitudini più elevate del Brasile hanno sapori delicati e una freschezza giovanile. In queste condizioni, i vini bianchi e gli spumanti sono i più apprezzati, ma si possono ancora scoprire superbi vini rossi. Il territorio è suddiviso in tre zone: So Joaquim, Caçador e Campos Novos, ciascuna con terreni rocciosi e acidi. Le basse temperature – le più basse di tutto il Brasile, con nevicate regolari in inverno – rallentano il ciclo di sviluppo dell’uva, e mentre altre regioni stanno chiudendo le loro vendemmie, il Planalto Catarinense ha appena iniziato. Questo ciclo prolungato, unito a un’esposizione solare ottimale, porta a una maturazione ottimale dei frutti.

  • Bianco: Sauvignon Blanc, Chardonnay
  • Rosso: Cabernet Sauvignon, Merlot, Pinot Nero, Syrah, Tempranillo

Vale do São Francisco

Questa regione offre agli amanti del vino un’esperienza unica nel suo genere, offrendo tutte e quattro le stagioni climatiche contemporaneamente.

La chiave è una combinazione tra il clima semi-arido, che induce naturalmente le viti a produrre tutto l’anno, e un moderno sistema di irrigazione che regola le varie fasi della pianta. Il sistema si basa sulla posizione vantaggiosa della regione, che comprende l’irrigazione del fiume São Francisco. Non essendoci l’inverno, la vite va in letargo per mancanza d’acqua. Di conseguenza, le aziende vinicole stabiliscono dei calendari di raccolta nei loro vigneti, con ogni pianta che fornisce due raccolti all’anno.

Tra le uve rosse, il Syrah si è adattato in modo eccellente a questo sistema, così come il Moscato, che concentra gli zuccheri a causa dell’ambiente caldo e produce vini deliziosi e frizzanti (secchi e dolci).

  • Bianco: Moscato, Chardonnay, Chenin Blanc
  • Rosso: Syrah, Cabernet Sauvignon, Alicante Bouschet

Cantine da visitare in Brasile

Família Salton

Circondata da giardini e verde mozzafiato, l’azienda vinicola Família Salton affonda le sue radici nell’affascinante regione di Bento Gonçalves, nella Vale das Rio de Antas. L’azienda produce vini di alta qualità e offre un’ampia gamma di servizi turistici, come mostre nel giardino e passerelle aeree.

Vinícola Don Affonso

La Viti Vínícola Don Affonso si trova nella tradizionale regione vinicola del sud del Brasile chiamata Serra Gaúcha, nella città di Caxias do Sul, Stato di Rio Grande do Sul. Con una sede propria e strutture moderne, combina la tradizione storica con le più moderne tecnologie di coltivazione e vinificazione, sempre nel rispetto dei principi della natura e della produzione sostenibile.

Cantina di Boutique Lidio Carraro

Mossa dall’idea di condividere una vita vibrante in ogni bottiglia e di creare un vino con integrità, è nata Lidio Carraro Wines. Si tratta di un’azienda vinicola boutique nella proprietà di famiglia di discendenti di immigrati italiani che si dedicano alla viticoltura da più di cinque generazioni in Brasile. I loro metodi di vinificazione consistono in interventi minimi per massimizzare l’espressione naturale dell’uva e l’origine del terroir.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.