abbinamento vino e bistecca

Guida all’abbinamento vino e bistecca

Abbinare vino e bistecca è uno degli abbinamenti essenziali nel tuo viaggio nel vino. Con così tanti tagli e modi diversi per preparare una bistecca, puoi scoprire alcuni vini rossi secchi o puoi tuffarti in profondità nelle sfumature di abbinamento.

Ognuno ha la sua scelta e noi abbiamo i vini da abbinare. Infila il tovagliolo nel colletto, prendi il coltello ed esploriamo il miglior vino da abbinare alla bistecca.

La pratica guida all’abbinamento vino e bistecca

La regola generale quando si abbina la bistecca è quella di scegliere vini rossi secchi: tagli di carne più magri si abbinano a vini più leggeri, mentre tagli più ricchi e grassi si abbinano a vini ad alto contenuto di tannino che possono tagliare il grasso.

Ma più il tuo abbinamento è su misura per il taglio di bistecca che stai preparando, più profonda e sofisticata sarà la tua esperienza culinaria. Stiamo chiamando tutti i tagli classici e i rispettivi vini.

Controfiletto

Uno dei tagli di bistecca più comuni, abbastanza magro con leggera marezzatura di grasso e spesso tagliato con una striscia di grasso lungo il bordo. Il controfiletto può essere fatto alla griglia, al forno o in padella, ma brilla sulla griglia.

Vini da scegliere

  • Tempranillo spagnolo: prova un Rioja Reserva invecchiato.
  • Montepulciano d’Abruzzo: cerca questo pilastro italiano di Colline Teramane per una qualità extra.
  • Syrah francese: si abbina bene con salse al burro. Controlla le regioni del Rodano settentrionale (Saint-Joseph o Crozes-Hermitage per un migliore rapporto qualità-prezzo e Cornas o Côte-Rôtie per una qualità seria).

Perché funzionano: il controfiletto è un taglio da cavallo da lavoro che può essere condito o condito in molti modi, quindi abbiamo mirato a fornire vini flessibili che possano adattarsi a qualsiasi direzione tu stia prendendo, ma presta attenzione a come il tuo condimento cambia il piatto e scegli di conseguenza.

Tomahawk & Ribeye

Uno dei tagli di bistecca più ricchi e gustosi. Molto marezzato e naturalmente tenero, il Ribeye fa bene al calore più secco di una griglia calda. Il Tomahawk segue tutte le stesse regole, ma è tagliato alla larghezza della costola ancora attaccata, rendendo più difficile cucinare bene.

Vini da scegliere

Perché funzionano: il contenuto di grassi più elevato conferisce un sapore burroso e grasso e richiede tannini elevati per tagliare il grasso o un sapore di frutta più forte per contrasto.

Porterhouse & T-Bone

Mentre il Porterhouse e il T-Bone sono tagli leggermente diversi, entrambi hanno la gustosa combinazione di un lato di filetto tenero e un lato di striscia più solido e saporito. Può essere fatto in padella, ma la griglia è in genere più facile per mantenere la cottura uniforme.

Vini da scegliere

  • Nebbiolo O Barolo: Rosso elegante e aromatico con tannini aderenti del Nord Italia. Sicuramente l’opzione high-roller.
  • Aglianico: rosso ricco del sud d’Italia con sapori super carnosi. Ma se aggiunto a una bistecca carnosa, questo vino offre pura frutta!
  • Xinomavro: (“Ksee-no-mah-vroh”) Un rosso greco aromatico dal sapore di frutta rossa molto saporito. Cerca i vini di Naoussa e Amyndeon.

Perché funzionano: i tagli su Porterhouse e T-Bone sono teneri, ma abbastanza magri. I rossi aromatici e saporiti completeranno la loro combinazione di filetto e strisce.

Filetto Mignon

La cadillac dei tagli di bistecca: incredibilmente magra, ma tenera e saporita. Spesso servito con salse ma anche una preparazione scelta con un semplice condimento di sale e pepe. Pan scottato e imburrato per la vittoria.

Vini da scegliere

  • Merlot oppure una miscela rossa a base di Merlot: provane una di Bordeaux o dello Stato di Washington
  • Touriga Nacional: proveniente dal Portogallo, questo rosso intenso e fruttato scuro che offre sottili note floreali di viola. Un’ottima scelta per la bistecca au poivre.
  • Mencía: (“Men-thee-yah”) Un’opzione elegante dalle parti settentrionali della Spagna con note aspre di bacche rosse e mineralità.

Perché funzionano: il filetto ha un sapore sottile e tutti questi vini rimangono nella loro corsia, offrendo sapori complementari che aiutano a far emergere tutto in questo taglio ed evitano di pestargli i piedi.

Taglio corto di lombata

Una scelta popolare per valore e sapore, la Strip ha molti nomi (New York Strip, bistecca di conchiglia, striscia di Kansas City) e alcuni di questi nomi sono il risultato di tagli leggermente diversi e se c’è ancora l’osso. Ma tutto sommato, stai ottenendo un taglio corto di lombata.

Il taglio ha più tessuto connettivo, ma è comunque un taglio gustoso e tenero se cotto correttamente. Fatelo in una padella di ghisa, salato, imburrato e fatelo riposare ancora un po’.

Vini da scegliere

  • Blaufränkisch: questo vitigno dal nome strano è uno dei rossi più importanti dell’Austria e della Germania. Gli esempi di qualità offrono note di amarena, buona acidità e un dolce finale affumicato.
  • The GSM Blend: Una miscela che include Grenache Syrah Mourvèdre – Conosciuta principalmente dalla Valle del Rodano in Francia, inclusa la famosa sottoregione di Châteauneuf-du-Pape.
  • Miscela in stile “bordeaux” sudafricano: il terroir sudafricano, vecchio di 500 milioni di anni, conferisce alle sue miscele Merlot-Cabernet questa caratteristica qualità polverosa con tannini raffinati. Sono fruttiferi e terrosi allo stesso tempo.

Perché funzionano: The Strip è un taglio di manzo saporito e a grana più spessa, che lo rende utile per diversi metodi di cottura, ma ha bisogno di un vino che possa completare il sapore E tagliare il grasso. Le nostre scelte di vino hanno frutta forte insieme a acidità e tannini che fanno il lavoro.

Groppa

La groppa proviene da un muscolo che lavora più duramente, rendendola soda ma anche molto saporita. Può trarre vantaggio dalla marinatura, ma ciò può compromettere la tua selezione di vini.

Vini da scegliere

  • Mourvedre (alias Monastrell): cerca qualcosa da Bandol, dalla Francia o dalla Spagna. Ottimo vino pepato abbastanza robusto per sapori davvero carnosi.
  • Carménère cileno: un classico per le bistecche fritte o per una bistecca condita con salsa chimichurri.
  • Dolcetto italiano: un vino dal sapore intenso di frutti di bosco scuri con acidità morbida e tannini elevati. Un’ottima scelta se hai marinato le tue bistecche di fesa.

Perché funzionano: poiché Rump è preparato in molti modi per superare la consistenza solida, abbiamo alcune selezioni che possono supportare il tuo cuoco. Tieni a mente le tue salse durante l’abbinamento e per le altre parti del pasto.

Fianco e gonna

Sebbene non siano del tutto uguali, sia il fianco che la gonna possono essere cucinati con la stessa tecnica. Marinaranno bene, il che li rende ideali per le fajitas, ma se stai cercando di mantenere la tua esperienza di consumo di carne puramente bistecca, possono essere fatti alla griglia con sale e pepe per condire.

Vini da scegliere

  • Sangiovese: prova il Chianti Classico, il Vino Noblie de Montepulciano o il Montefalco Rosso: l’acidità e i sapori di frutta rossa tagliano la masticabilità.
  • Cabernet Franc: per uno stile più dolce, fruttato e affumicato, guarda agli Stati Uniti e all’Argentina. Dirigiti in Francia nella regione di Chinon, per un Cabernet Franc erbaceo, se stai servendo insieme a verdure.
  • Garnacha: un altro rosso spagnolo per più sapori di frutti a bacca rossa e piccantezza che taglierà facilmente le bistecche gommose.

Perché funzionano: è importante non cuocere troppo altrimenti stai mangiando la pelle delle scarpe, ma anche se fatti alla perfezione questi tagli sono più duri. I nostri vini mirano a completare la carne di manzo saporita ma gommosa, trasformandola da un lavoro di routine a un’esperienza salata.

Petto

Non è affatto un esempio comune di bistecca, Brisket è ancora degno di essere incluso nei potenziali abbinamenti di bistecca. Questo è un taglio che richiede una cottura bassa e lenta, soprattutto su un affumicatore, come nessun altro.

La tua selezione di vini sarà informata dal tipo di combustibile presente nell’affumicatore: noi consigliamo i trucioli di legno, ma ce ne sono molti tra cui scegliere e ognuno conferisce qualcosa di gustoso e particolare. Hickory è la raccomandazione più comune per il petto.

Vini da scegliere

  • Sagrantino: un rosso raro della regione Umbria italiana. I vini sono quasi opachi con frutta nera audace con tannini avvolgenti. Sagrantino renderà la punta di petto un affare di classe.
  • Petite Sirah: una grande opzione affumicata e ricca dagli Stati Uniti che ha grandi tannini che tagliano senza problemi la ricchezza carnosa del petto e del barbecue.
  • Australian Shiraz: un’opzione più morbida con un po’ meno tannino che porta note affumicate e mirtillo-mora.

Perché funzionano: quasi tutta la preparazione di un Brisket si tradurrà in un sapore affumicato e questi vini completano e migliorano l’affumicatura.

Ultimi pensieri

Questi abbinamenti saranno sicuramente gustosi ma potrebbero non essere perfetti, perché il gusto di ognuno è il suo.

Non aver paura di usare i nostri consigli come punto di partenza per scoprire abbinamenti di vini unici per te e i tuoi gusti. Non ci sono risposte sbagliate se ti stai divertendo.

E se stai cercando possibilità di abbinamento con altre carni, vai alla nostra guida sull’abbinamento con manzo, agnello, cervo e altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.