Come scegliere la marmellata più sana

Come scegliere la marmellata più sana

Con gli impegni e il tempo insufficiente per preparare tutti i pasti da zero, molti genitori lottano su come nutrire le loro famiglie in modo migliore e più sano. Come madre o padre devi pensare alla salute del tuo bambino. Dal momento che odieremmo privare i nostri bambini dei preferiti come la nutella e le patatine, come possiamo fare le scelte più sane possibili?

Linee guida per l’acquisto di marmellata sana

In genere hai due opzioni per l’acquisto di prodotti sani.

Mercati degli agricoltori

Dato che molti genitori di bambini piccoli sono molto limitati per quanto riguarda il tempo per preparare tutto da zero, ci sono molte alternative buone e salutari per preparare la tua marmellata. Prova i mercati degli agricoltori locali e parla con i produttori di marmellate  per trovarne uno che soddisfi le tue esigenze di marmellate biologiche.

Opzioni commerciali

Se l’acquisto locale non è un’opzione, puoi comunque trovare prodotti sani venduti in commercio. Ecco alcune cose a cui prestare attenzione:

  • Controllare attentamente le etichette prima di acquistare. La frutta dovrebbe apparire prima o seconda nell’elenco degli ingredienti.
  • I concentrati di succhi di frutta sono un dolcificante preferito.
  • Cerca 40 calorie o meno per cucchiaio di marmellata o gelatina.
  • Evita i prodotti che contengono colore aggiunto.
  • Evitare prodotti contenenti conservanti.

Linee guida per preparare la tua sana marmellata fatta in casa

Decidi i tuoi ingredienti

Una marmellata da frigorifero a base di frutta fresca, miele e pectina di frutta, tapioca o semi di chia è facile e veloce da preparare.
Puoi lasciare che i tuoi bambini facciano la prova del gusto mentre aggiungi il miele o un altro dolcificante alternativo.
Le ricette possono essere variate a seconda delle preferenze e di ciò che è a portata di mano.
I piccoli lotti sono veloci da preparare e non richiedono un bagnomaria bollente.

Utilizzare solo frutta biologica, se possibile

Molti agricoltori locali coltivano frutta certificata biologica.

Nel caso ve lo stiate chiedendo, gli agricoltori che seguono le rigide linee guida del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti per le loro pratiche agricole possono certificare che i loro prodotti sono biologici. Ciò significa sostanzialmente che la loro frutta e verdura sono state coltivate in un terreno su cui non sono stati applicati fertilizzanti e pesticidi sintetici per almeno tre anni.

Usa una ricetta senza zucchero o a basso contenuto

Oppure, usa una ricetta addolcita con un’alternativa allo zucchero come miele, melassa, sciroppo d’acero o agave.

Evita i dolcificanti artificiali

Sebbene ci sia controversia sui pro e contro dell’uso di dolcificanti artificiali negli alimenti per bambini, personalmente preferirei usare una quantità ridotta di zucchero nella preparazione di marmellate o gelatine per bambini piuttosto che dolcificare con un dolcificante artificiale. Non mi piace vedere niente di artificiale entrare nei corpi dei miei bambini!

Usa la marmellata

La frutta intera va a fare la marmellata che aggiunge un po’ di fibra. La gelatina, invece, è composta solo dal succo ottenuto dalla bollitura e dalla filtrazione del frutto, che elimina la fibra naturalmente presente nella frutta.

Usa semi di chia o tapioca invece della pectina come addensante

Anche se non si fissano in modo veloce o compatto, i semi di chia sono considerati un “superfood” e contengono proteine, omega 3, molte vitamine e minerali e antiossidanti. Sono anche a basso contenuto di carboidrati e ricchi di fibre. Tuttavia, uno svantaggio dell’utilizzo dei semi di chia è che contengono acido fitico che blocca l’assorbimento di alcuni nutrienti. Ma, usato con moderazione, questo non dovrebbe essere un problema.

La tapioca è una delle migliori opzioni per i più piccoli in quanto è un carboidrato naturale estratto dai tuberi di manioca. La tapioca non ha allergeni comuni, è facilmente digeribile e priva di colesterolo, contiene fibre, ferro, manganese, calcio e vitamina B ed è povera di sodio, il che la rende un prodotto salutare da utilizzare nella marmellata. L’unico aspetto negativo è che la tapioca è anche ricca di carboidrati e calorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.